Cosenza
 

Rende (Cs), tornano i laboratori di cittadinanza attiva negli istituti di istruzione superiore

Ripartiranno per il secondo anno consecutivo i laboratori di cittadinanza attiva negli istituti di istruzione superiore rendesi.
A sancire il prosieguo del percorso didattico la riunione al liceo classico Gioacchino da Fiore, dove, lo scorso giovedì, si sono riuniti i partners del progetto coordinato dal docente Unical Luca Parisoli.
Oltre Parisoli erano presenti per l'Università della Calabria Ines Crispini e Giovanni Sole; per il Comune di Rende le assessore Marina Pasqua e Marta Petrusewicz; per le scuole coinvolte nei laboratori Eleonora Saia, Anna De Vincenti, Rosellina Capalbo, Cinzia Bianco, Teresa Morcavallo e Teresa Sperlì.

Dopo una riflessione sui risultati positivi dell'anno scorso e sulle criticità del panorama educativo attuale, a partire dalla richiesta delle scuole stesse, si è deciso di attivare un quarto tema rispetto ai tre dell'anno precedente - ius soli, distorsione della comunicazione, violenza di genere e contro l'altro -, legato all'identità geo-culturale del territorio di Rende nei suoi vari aspetti antropologici (lavoro, alimentazione, ruralità e urbanizzazione, etc.).
Il percorso didattico nelle scuole partirà nell'ultima settimana di novembre e si svolgerà fino al prossimo marzo.

Soddisfatta Marina Pasqua: "Abbiamo fortemente voluto proseguire –ha affermato l'assessora- un percorso che l'anno scorso ha avuto riscontri positivi tra gli studenti coinvolti. L'attualità dei temi trattati, infatti, ci ha indotto ad approfondire, grazie al supporto dell'Unical e del corpo docente le problematiche attuali che richiedono una riflessione appropriata. Ciò si aggiunge alla scelta politica di voler proseguire nel lavoro sui temi trattati lo scorso anno".
Il sindaco Marcello Manna ha infine sottolineato come: "Prosegue il lavoro sul regolamento del consiglio comunale dei ragazzi con la cui proposta si chiusero i laboratori lo scorso anno. La centralità della partecipazione civica, di una progettazione partecipata e democratica è sempre stata la finalità della nostra amministrazione. Il coinvolgimento delle giovani generazioni in questo processo appare più che mai necessario".