Il miglior vino novello del Meridione è calabrese

E' calabrese il miglior vino novello del Meridione 2018. A sancirlo la giuria del XII Salone del vino novello, unico concorso nazionale sul novello, svoltosi domenica scorsa presso il Castello Svevo di Cosenza, organizzato dalla delegazione Isf International Sommelier Foundation della Calabria. Tra i 12 vini partecipanti, selezionati da 5 regioni del Sud Italia, il più votato è stato quello della Casa vinicola Criserà di Reggio Calabria a cui è andato anche il Premio Innovazione per il "Nové", una novità nazionale, il primo vino novello frizzante in lattina che sarà in commercio nei prossimi giorni, distribuito dal gruppo Divinibus.

Altri riconoscimenti sono andati alla cantina cosentina Spadafora (Premio critica della giuria), alle cantine Coppi di Turi(Ba), Il Nuraghe di Mogoro (Or) e De Luca di Cirò Marina (Kr) una menzione speciale della giura e infine alle cantine Upal di Cisternino (Br) e Davoli di Lamezia una menzione speciale dell'organizzazione. Anche il pubblico dei social ha votato attraverso un sondaggio riservato alle cantine calabresi in gara, in cui l'ha spuntata il novello della cantina Zito di Cirò Marina (Kr).
"Nonostante quest'anno sia diminuita la produzione di novello - ha commentato il direttore del concorso Tommaso Caporale - abbiamo constatato una qualità in aumento e attraverso il costituente Nuovo Istituto nazionale del vino e olio novello non abbasseremo la guardia nel rivendicare al Governo la modifica del disciplinare di produzione sui novelli per aumentare la percentuale di macerazione carbonica prevista nel documento".